Chuck Yeager, il primo uomo a rompere la barriera del suono è morto. Aveva 97 anni

Chuck Yeager, il primo uomo a rompere la barriera del suono è morto. Aveva 97 anni

Su 7 dicembre 2020L’asso del volo della seconda guerra mondiale e il leggendario pilota collaudatore generale Chuck Yeager è deceduto mentre era in ospedale a Los Angeles. Aveva 97 anni ed è sopravvissuto alla seconda moglie, Victoria Yeager (nata Victoria Scott D’Angelo), e ai suoi tre figli, Susan, Don e Sharon. Yeager è stato sepolto al cimitero nazionale di Arlington con tutti gli onori militari.

Oltre alla sua famiglia, Yeager lascia anche un’eredità che non ha eguali nella storia del volo, paragonabile solo a uomini come Neil Armstrong e Yuri Gagarin. È forse meglio conosciuto per essere stato il primo uomo a rompere la barriera del suono, nonché il primo pilota a viaggiare a una velocità doppia rispetto a quella del suono (Mach 2).

Infatti, questo passato 14 ottobre è stato il settantatreesimo anniversario di Il volo storico di Yeager con il Bell XS-1. Tuttavia, i risultati di Yeager vanno ben al di là di quelli che ha ottenuto come pilota collaudatore e aviatore pioniere. Chuck Yeager è nato Charles Elwood Yeager nel 1923 in West Virginia, dai genitori contadini Susie Mae e Albert Hal Yeager. Nel 1941 si è diplomato al liceo e ha iniziato il servizio militare presso le forze aeree dell’esercito americano (USAAF).

Un Bell XS-1 (coda n. 6062), pilotato dal capitano dell’USAF Chuck Yeager, ha superato la velocità del suono nel primo volo supersonico della storia. Credito: NASA

Servizio USAF

Yeager si è arruolato come privato nell’USAAF il 12 settembre1941, e divenne un meccanico di aerei a Base Aeronautica Militare di Georgea Victorville, California. Pochi mesi dopo, gli Stati Uniti entrarono nella Seconda Guerra Mondiale e Yeager divenne idoneo all’addestramento al volo. Dopo un lungo addestramento per diventare pilota di caccia, Yeager fu spedito con il 357° Fighter Group nel Regno Unito nel novembre del 1943.

Mentre era di stanza alla RAF Leiston, Yeager e la sua ala di caccia volavano con i P-51 Mustang in sortite contro l’aviazione tedesca (la Luftwaffe). Yeager ha abbattuto un caccia prima di essere abbattuto lui stesso nella sua sortita sulla Francia. Con l’aiuto della Resistenza francese (la Maquis), fu contrabbandato attraverso la Spagna e tornò in Inghilterra circa due mesi dopo.

Poi, il 12 ottobre, 1944, Yeager divenne un asso della lotta dopo aver abbattuto cinque combattenti nemici in un solo giorno. Successe durante un bombardamento su Brema, dove Yeager guidava il 363° Squadrone come parte della scorta dei bombardieri. Mentre le altre squadriglie rimasero vicine, il 363° volò 80-160 km (50-100 miglia) più avanti per intercettare eventuali caccia tedeschi.

Secondo il rapporto post-azione di Yeager, l’ingaggio è iniziato mentre lui e la sua squadra volavano a circa 7600 metri di altitudine sul lago Steinhuder – circa 50 km a sud-est di Brema. Fu qui che Yeager avvistò ventidue Messerschmidt 109s che attraversavano davanti alla sua squadra ad una distanza di circa 2,4 km (1,5 miglia). Yeager e la sua squadra caddero dietro la formazione nemica e li seguirono per alcuni minuti.

http://ww2today.com/wp-content/uploads/2014/10/Silhouettes-of-P-51s-in-flight.jpg
P-51 Mustang che volano in formazione sopra l’Europa. Credito:

Dopo aver fatto cadere i serbatoi esterni, Yeager si è messo in posizione di tiro ed è stato l’unico pilota della sua squadra ad essere a portata di tiro. Uno dei piloti tedeschi si è fatto prendere dal panico, si è rotto a destra e si è scontrato con un altro. Secondo il rapporto post-azione di Yeager, entrambi i piloti si sono salvati. Yeager ha poi aperto il fuoco sul primo, facendolo scoppiare in fiamme mentre cadeva.

Yeager poi si è fermato su un secondo Me. 109 e ha sparato un colpo sulla sua traiettoria, facendola esplodere a mezz’aria. L’ultimo Me. 109 ha tagliato l’acceleratore e ha provato a tirare dietro, ma Yeager ha fatto rollare il suo aereo e ha fatto una virata difficile per tornare sul retro del caccia. Sparò alle ali e alla coda di questo Me. 109 e il pilota è stato costretto a lanciarsi dopo aver perso il controllo.

Nel suo rapporto post-azione, Yeager ha dichiarato cinque uccisioni e ha riferito di aver sparato 587 proiettili della sua Mustang calibro 50. Ha anche attribuito gran parte del suo successo alla tuta “G” (che gli ha impedito di perdere conoscenza) e al mirino del fucile K-14 della Mustang. L’incontro ha fatto di Yeager il primo del suo gruppo a diventare un “asso in un giorno”.

Alla fine della guerra, Yeager aveva raggiunto il grado di capitano ed è stato accreditato con 11,5 vittorie ufficiali, tra cui una Messerschmitt Me 262 un caccia a reazione che ha abbattuto mentre tentava di atterrare. Il 26 febbraio 1945, Yeager sposò la sua prima moglie, Glennis Dickhouse, e la coppia avrebbe avuto quattro figli.

“L’uomo più veloce in vita”

Dopo la guerra, Yeager rimase con l’USAAF come pilota collaudatore. Nel 1947, fu selezionato per pilotare il Bell XS-1 come parte del programma per il volo ad alta velocità condotto dal Comitato consultivo nazionale per l’aeronautica(NACA) – il precursore della NASA. Il 14 ottobreNel 1947, Yeager infrange la barriera del suono mentre vola con l’X-1, che chiama “Glamorous Glennis” (come la sua prima moglie).

Durante la guerra di Corea (1950 – 1953), tornò al servizio militare attivo, e riprese il pilotaggio di prova dopo la conclusione delle ostilità. Il 20 novembre 1953, il pilota della Marina Militare degli Stati Uniti Scott Crossfield divenne il primo aviatore a raggiungere il doppio della velocità del suono (Mach 2) utilizzando il D-558-II Skyrocket aereo di ricerca transonico. Yeager e il collega pilota Jack Ridley hanno deciso di recuperare il record di velocità più veloce mai raggiunto.

Il 12 dicembreNel 1953, Yeager stabilì un nuovo record raggiungendo il Mach 2,44 nel suo aereo come parte di una serie di voli di prova denominati “Operazione NACA Weep”. Quasi morì nel processo quando perse temporaneamente il controllo dell’aereo a 24.000 m (80.000 piedi) e cadde per 16.000 m (51.000 piedi). Ciononostante, Yeager è riuscito a riprendere il controllo dell’aereo e l’ha portato per un atterraggio sicuro.

Quest’ultimo volo da record è avvenuto appena in tempo per il 50 anniversario del volodove ha battuto Crossfield per essere nominato “l’uomo più veloce del mondo”. Per questo risultato, Yeager fu insignito della Medaglia al Valore nel 1954.

http://nicoland.it/storage/2020/12/1608250438_685_Chuck-Yeager-il-primo-uomo-a-rompere-la-barriera-del.jpg
Il D-558-II Skyrocket. Credito: NASA

Carriera successiva

Tra il 1954 e il suo ritiro nel 1975, Yeager comandò squadroni di caccia e bombardieri in Germania Ovest, Francia, Spagna, Filippine e Pakistan, e raggiunse il grado di colonnello. Dopo aver completato gli studi all’Air War College nel 1962, divenne il primo comandante del Scuola Pilota di Ricerca Aerospaziale USAFche ha addestrato gli astronauti per la NASA e l’USAF.

Nell’aprile 1962, Yeager volò con Neil Armstrong in un T-33 Stella cadenteun aereo da addestramento a reazione. Tra il 1963 e il 1964, Yeager ha anche completato cinque voli di prova nel NASA M2-F1 prototipo, un corpo di sollevamento senza motore progettato per testare un concetto senza ali. Su 10 dicembre, 1963Yeager è stato quasi ucciso mentre provava il nuovo allenatore supersonico NF-104A.

Dopo aver subito un malfunzionamento a 33.130 m (108.700 piedi), l’aereo ha perso potenza e ha cominciato a precipitare rapidamente. Yeager non è stato in grado di riprendere il controllo ed è stato costretto a lanciarsi a 2.600 m (8.500 piedi). Questo incidente, in cui Yeager è diventato il primo pilota a lanciarsi con una tuta a pressione completa (necessaria per i voli ad alta quota), ha messo fine ai suoi tentativi di record.

Tra il 1966 e il 1968, Yeager sarebbe stato rimesso in servizio in combattimento quando gli fu dato il comando del 405th Tactical Fighter Wing alla base aerea di Clark nelle Filippine. Fu qui che lui e i suoi piloti avrebbero volato innumerevoli sortite sul Vietnam del Sud e sul Sud-Est asiatico. Nel luglio del 1969, Yeager fu promosso al grado di generale di brigata e non volò più in missioni di combattimento.

Lockheed NF-104A, che si arrampica con l’aiuto del suo motore a razzo. Credito: USAF

Per i due anni successivi, è stato vice-comandante della diciassettesima spedizione aerea (17 EAF) presso la base aerea di Ramstein in Germania. Dal 1971 al 1973, Yeager è stato di stanza in Pakistan come consigliere dell’aeronautica militare pakistana e assistente del diplomatico statunitense. Mentre si trovava lì, fu testimone del conflitto tra Pakistan e India del 1971 e vide persino il suo aereo distrutto in un raid aereo.

Nel 1973, Yeager è stato inserito nella National Aviation Hall of Fame, che è la più alta onorificenza che si possa conferire ad un aviatore.

Pensionamento e ultimo anno

Nel 1975, Yeager si ritirò dall’USAF e lui e sua moglie Glennis si trasferirono a Grass Valley, California. La coppia viveva di rendita grazie all’autobiografia più venduta di Yeager, agli impegni di conferenze e alle iniziative commerciali. Per tutti gli anni Ottanta, Yeager è stato un portavoce della General Motors, ha guidato pace car per la Indie 500, e come consulente tecnico della Electronic Arts (che ha rilasciato una serie di simulatori di volo).

Nel 1983, i suoi contributi al programma spaziale americano (e quelli del Mercurio Sette) sono stati immortalati nel film La roba giusta. Yeager ha fatto un’apparizione cameo nel film, interpretando il barista Fred di ” .Il posto di Panchodove Yeager ha trascorso gran parte del suo tempo libero mentre era di stanza all’Edwards AFB. Nel 1986, il presidente Reagan lo nominò nella Commissione Rogers, che indagò sulla Navetta spaziale Challenger esplosione.

http://nicoland.it/storage/2020/12/Chuck-Yeager-il-primo-uomo-a-rompere-la-barriera-del.JPG
Il generale in pensione Robert Cardenas parla al 70° anniversario del volo supersonico tenutosi il 13 ottobre 2017. Il generale di brigata Chuck Yeager e la moglie Victoria. Credito: Edwards AFB/USAF

Nel 1990, Glennis Yeager morì di cancro alle ovaie. Nel 2011, il figlio di Yeager, Mickey, è morto inaspettatamente in Oregon. Il 14 ottobreNel 1997, nel 50° anniversario del suo storico volo, Yeager ha volato con un F-15D Eagle di nome Glennis III affascinante dopo Mach 1. L’aereo da inseguimento (un F-16) era pilotato da Bob Hoover, l’uomo che fu il gregario di Yeager per il suo primo volo supersonico.

Nel 2000, Yeager ha incontrato l’attrice Victoria Scott D’Angelo (la sua seconda moglie) durante un’escursione in Nevada. I due si sono sposati nel 2003 (che non è andata molto bene con i figli di Yeager) e hanno vissuto insieme nel nord della California. Il 65° anniversario (14 ottobre), 2012), Yeager ha volato di nuovo, questa volta come copilota a bordo di un F-15.

Il 7 dicembre 2020, che ha coinciso con il National Pearl Harbor Remembrance Day (e il 79 anniversario dell’attacco), Yeager è morto in un ospedale di Los Angeles. La notizia della sua scomparsa è stata condivisa dalla moglie attraverso il sito di Chuck Yeager Twitter conto:

“Padre @VictoriaYeage11 È con profondo dolore, devo dirvi che il mio amore per la vita, il Generale Chuck Yeager, è passato poco prima delle 21:00 ET. Una vita incredibile ben vissuta, il più grande pilota d’America, & un’eredità di forza, avventura, & il patriottismo sarà ricordato per sempre”.

In una dichiarazione ufficiale, l’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha detto quanto segue sulla scomparsa del Gen:

“La scomparsa oggi del Gen. Chuck Yeager è una perdita tremenda per la nostra nazione. Lo spirito pionieristico e innovativo del gen. Yeager ha fatto progredire le capacità dell’America nel cielo e ha fatto volare i sogni della nostra nazione nell’era dei jet e nell’era spaziale. Ha detto: “Non ci si concentra sui rischi. Ci si concentra sui risultati. Nessun rischio è troppo grande per impedire che il lavoro necessario venga fatto”.

“Tra le molte prime volte in più di 60 anni di attività aeronautica, Chuck è stato il primo uomo a volare alla velocità del suono, e le sue conquiste hanno rivaleggiato con i nostri più grandi primati nello spazio. Non contento di riposare sugli allori, ha continuato a battere il suo stesso record e a viaggiare a Mach 2,44. Ma anche prima di allora aveva servito eroicamente il suo Paese nella Seconda Guerra Mondiale. Molto tempo dopo essere diventato una leggenda ai suoi tempi, continuò a servire il suo Paese attraverso l’esercito e più tardi nel suo continuo lavoro per testare nuovi aerei.

“Il coraggio e i successi di Chuck sono una testimonianza della forza duratura che lo ha reso un vero originale americano, e il lavoro dell’Aeronautica della NASA deve molto ai suoi brillanti contributi alla scienza aerospaziale. Come giovane aviatore navale, sono stato uno dei tanti in tutto il mondo che ha ammirato Chuck Yeager e le sue incredibili imprese come pilota collaudatore. Il suo percorso ha aperto la strada a chiunque volesse spingersi oltre i limiti del potenziale umano, e i suoi successi ci guideranno per le generazioni a venire”.

Eredità e onorificenze

Per i suoi successi, Yeager ha ricevuto innumerevoli onorificenze, premi e citazioni. Per i suoi successi nel superamento della barriera del suono, Yeager è stato premiato dalla National Aeronautics Association (NAA) Trofeo Mackay e Trofeo Collier nel 1948 e il Trofeo Internazionale Harmon nel 1954. L’X-1 Glamorous Glennis è ora in esposizione permanente al Museo nazionale dell’aria e dello spazio dello Smithsonian.

http://nicoland.it/storage/2020/12/1608250446_160_Chuck-Yeager-il-primo-uomo-a-rompere-la-barriera-del.jpg
Il generale Yeager onora il 50° anniversario del suo primo volo supersonico alla Edwards Air Force Base nel 1997. Credito: Edwards AFB/USAF/AAoA

Tra il 1966 e il 1981, Yeager è stato indotto nel International Air & Hall of Fame dello spazio, il Hall of Fame dell’aviazione nazionale (la più alta onorificenza che può essere conferita ad un aviatore), e il Hall of Fame Internazionale dello Spazio. Nel 1974, Yeager ha ricevuto anche il Premio Piastra d’Oro dal Accademia Americana delle Realizzazioni ed è stato indotto nel 1990 Passeggiata d’onore nel settore aerospaziale classe inaugurale.

Nel 1976, Yeager è stato premiato con la Medaglia d’Argento Speciale del Congresso per “aver contribuito in modo incommensurabile alla scienza aerospaziale rischiando la vita nel pilotare l’aereo da ricerca X-1 più veloce della velocità del suono il 14 ottobre”., 1947.” Questa medaglia, che è l’equivalente della noncombat Medal of Honor Medal, è stata consegnata a Yeager dall’allora presidente Gerald Ford durante una cerimonia alla Casa Bianca l’8 dicembre., 1976.

Università Marshall, che si trova nel paese natale di Yeager, in West Virgina, ha nominato la sua più alta borsa di studio accademica in suo onore – la Società dei borsisti di Yeager. Charleston, West Virginia, lo ha onorato rimanendo il loro aeroporto e il ponte di insterstate del fiume Kanawha, l’aeroporto di Yeager e il ponte di Chuck E. Yeager. Una parte della US Highway 119 nella sua contea natale è stata ribattezzata Yeager Highway.

Yeager è stato anche classificato da Rivista volanteLa California Hall of Fame, lo Stato del West Virginia, la National Aviation Hall of Fame, la United States Army Air Force e alcuni presidenti degli Stati Uniti, come uno dei più grandi piloti di tutti i tempi. Sebbene modesto per quanto riguarda il suo background e i suoi successi, Yeager era un gigante per i piloti, gli astronauti e la gente comune. Ci mancherà!

RIP Charles Elwood “Chuck” Yeager!

Ulteriori letture: Chuck Yeager.com, USAF, Edwards AFB, NASA